martedì 7 maggio 2013

Catalogo di Messier

Cliccate con il tasto destra e selezionate "visualizza immagine" per avere la possibilità di zoomare e vedere nel dettaglio i singoli Messier.
Finalmente sono riuscito a compiere l'impresa, cioè ad osservare tutti e 110 gli oggetti che compongono il Catalogo di Messier con il mio Dobson da 25 cm.

Per chi non lo sapesse il catalogo ha un'importanza storica essendo stato il primo catalogo di oggetti non stellari ad essere redatto nel 1774 ma ha da sempre anche una rilevanza osservativa perchè gli astrofili iniziano ad osservare proprio dagli oggetti più brillanti dello stesso.

Se iniziare ad osservare qualche Messier qua e là è un'attività facile e alla portata di tutti invece osservare ogni singolo oggetto è un compito molto più complesso e che richiede del tempo. Io personalmente ci ho messo poco meno di un anno, anche perchè molti di questi oggetti sono stagionali, quindi se uno perde l'occasione di osservarli in quella certa stagione poi deve attendere l'anno seguente.

Molti oggetti sono facilmente rintracciabili, alcuni addirittura ad occhio nudo ed altri con un binocolo 10x50; questi sono di solito gli oggetti più belli. Altri invece sono difficilissimi da scovare perchè deboli e magari in zone del cielo prossime all'orizzonte, dove gli effetti nefasti dell'inquinamento luminoso si fanno più sentire.

Il presupposto di ogni osservazione è comunque un cielo buio, ovvero un qualcosa che non appartiene più alla nostra esperienza quotidiana, qualcosa di andato perduto nelle nostre città dove la notte è identica al dì, qualcosa che quindi spaventa l'uomo moderno, il buio, perchè ha reciso il legame con la Natura sotto questo profilo e altri ancora. Io ho compiuto tutte le mie osservazioni da un buon cielo suburbano ma ora che si aprono nuove sfide cercherò un cielo più buio. Il cielo è buio anche in funzione della Luna: in altre parole quando la Luna è presente in cielo (a meno che non siamo nel Novilunio) questo ne risulta illuminato e non ci sono le condizioni per osservare questi deboli quanto lontani oggetti del cielo profondo. Il che, se sommato al maltempo (pioggia, nuvole, umidità) riduce ulteriormente i margini di osservazione. Un altro parametro importante è la trasparenza atmosferica, la quale è migliore in presenza di vento e peggiore in presenza di umidità.

Ma facciamo un passo indietro. Cosa contiene il catalogo? Esso consta di 26 ammassi aperti, 4 ammassi aperti con nebulosità associata, 29 ammassi globulari, 1 nube stellare, 1 asterismo di stelle, 1 stella doppia, 40 galassie, 3 nebulose diffuse, 4 nebulose planetarie e pure 1 resto di supernova. Quindi è composto da oggetti tra i più diversi. Per rendersi bene conto di cosa stiamo parlando la galassia M 58 è situata a 68'000'000 di Anni Luce dalla Terra, quindi quella che possiamo osservare oggidì è la luce emessa dalla galassia 68 milioni di anni fa; cioè più o meno quando sulla Terra si verificò alla fine del Cretacico l'estinzione di massa dei Dinosauri, a causa presumibilmente di un meteorite venuto dallo spazio. Ordunque siamo qui ad osservare luce vecchia tanto quanto la nostra storia di mammiferi, che dobbiamo la nostra ascesa evolutiva proprio alla caduta dei grandi rettili.

Per concludere sono felice di aver portato a termine questo compito perchè lo svolgimento dello stesso permette di entrare in profonda simbiosi con l'Universo; di osservare i residui di esplosioni cosmiche come quella della Supernova del Granchio veduta nell'anno 1054, e come si sa dalle Supernove si formano gli elementi complessi che hanno determinato il formarsi della vita sulla Terra per cui possiamo dire sicuramente che siamo "polvere di stelle"; di osservare smisurate galassie dove sicuramente si celano forme di vita che scrutano il cielo dubbiose ed impotenti come noi di fronte a tutta quell'immensità; di osservare nebulose dove nuove stelle e pianeti stanno nascendo e dove un giorno la vita potrebbe fiorire; di osservare nebulose planetarie che ci tramandano la loro storia ed insieme un monito per il futuro, quello che la razza umana è da sempre precaria e comunque destinata a concludersi, a meno di non essere già andati via o estinti, in una nebulosa planetaria per l'appunto, quando verrà il momento lontano in cui il Sole espellerà i suoi strati esterni di Gigante Rossa fino a diventare una Nana Bianca. Insomma l'Universo è il nostro passato, presente e futuro; è quello da cui dipendono le nostre vite e il nostro destino; sciocco sarebbe non esserne timorosamente affascinati.

Di seguito inserisco la tabella che per ogni oggetto riporta la data d'osservazione e la valutazione personale. Cliccare per ingrandire.

mercoledì 20 febbraio 2013

Passione Lego

Questo inverno casualmente ho rimesso le mani sulle scatole in soffitta dove c'erano le mie vecchie Lego. Da bambino ne avevo proprio tante ed erano il mio gioco preferito così un po' per scherzo nelle piovose e fredde serate mi sono messo al calduccio in soffitta e le ho ricostruite. Pensavo di aver perso la metà dei pezzi ma incredibilmente ce li avevo quasi tutti! Ecco il risultato finale.

Lego nella vetrinetta



9468 - Vampyre Castle
6261 - Raft Raiders


6086 - Black Knight's Castle
6279 - Skull Island
6090 - Royal Knight's Castle
6278 - Enchanted Island / 6236 - King Kahuka
6155 - Deep Sea Predator / 6834 - Celestial Sled
6254 - Rocky Reef
6266 - Cannon Cove

6536 - Aereo Hawk
Per provare ho fatto anche un paio di video in stop motion, ma ci vuole un sacco di tempo per realizzare delle sequenze fatte bene! Questi sono solo divertenti esperimenti.

video 

video

martedì 5 giugno 2012

Transito di Venere davanti al sole - 6/6/12

Oggi ho osservato un fenomeno che non si ripeterà fino al 2117: il passaggio del pianeta Venere sul disco solare.

Devo dire che è stata veramente un'avventura perchè io e l'Adina siamo partiti alle 4:30 di mattina e siamo andati su un bel prato in riva del Lago Trasimeno, a Castiglione del Lago. Inizialmente ero preoccupato perchè il sole sorge in questo periodo a nord-est e non proprio ad est, e proprio in quella direzione le montagne erano un pochino più alte, inoltre c'erano le immancabili nuvole e velature varie. Il problema era che non c'è tutto il giorno per vederlo: il sole è sorto con il pianeta già in pieno transito ed il fenomeno si è concluso alle ore 6:50 circa. Il sole è sorto alle 5:30, ma causa montagne per 15 minuti non è spuntato.

Quando ciò è avvenuto è stato uno spettacolo incredibile, si vedeva il sole che faceva capolino dalle montagne, sopra le foreste insieme a Venere. La cosa più bella è stata che c'è stato tantissimo tempo per osservarlo con calma, ed anche per riuscire a fare qualche foto. Faceva impressione vedere questo pianeta così grande vicino alle molte macchie solari presenti sul sole. Ho osservato l'evento finchè non si è concluso ed il pianeta è fuoriuscito dal disco solare. Molto emozionante il momento in cui Venere, quasi alla fine del transito, era tangente al sole: sembrava un piccolo morso sul sole.

Sono felicissimo di questa esperienza che mi porterò nel cuore per tutta la vita, e che non avrebbe potuto essere migliore di quanto non sia stata.

Gli strumenti dell'osservazione erano l'Heyford 60/700, accuratamente schermato da un filtro Astrosolar (senza il quale si diventa ciechi seduta stante) e un paio di occhialini autocostruiti sempre con pellicola Astrosolar (sia io che la mia ragazza per mezzo di questi siamo riusciti a distinguere chiaramente ma non agevolmente il pianeta sulla superficie solare ad occhio nudo).

Ad un certo punto abbiamo notato che c'era anche un uomo in lontananza che guardava anch'egli il sole (sperava di osservare Venere con un barattolo di vetro con il fondo affumicato eh eh eh!), così l'ho invitato ad osservare al telescopio, e ne è rimasto felice.

Ecco qualche foto originale, senza fotoritocco:



  






Ecco due delle foto precedenti fotoritoccate:





PER ASPERA SIC ITUR AD ASTRA

domenica 13 maggio 2012

Camminata del donatore 25 Aprile 2012




Quest'anno ho partecipato alla mini-camminata di 3,5km che si tiene il 25 Aprile di ogni anno a Foiano della Chiana. Era più di 10 anni che non ri-partecipavo (da quando facevo le medie e correvo moooolto di più di adesso), quindi sono felice di essermi classificato più o meno in 10° posizione (non si può conoscere l'ordine di arrivo con certezza). Stranamente l'ha vinta un bambino delle medie!

mercoledì 9 maggio 2012

martedì 8 maggio 2012

Il sole

Ecco una foto fatta al sole con il piccolo Heyford ed Astrosolar:

Originale

Ritoccata per esaltare le macchie solari

domenica 6 maggio 2012

Filtro solare

In attesa del transito di Venere davanti al sole del 6 giugno 2012 (che poi non verificherà per un altro centinaio di anni) ho deciso di costruire un filtro con la pellicola Astrosolar per poter osservare il sole in luce bianca. Come materiale ho utilizzato cartoncino spesso, che è stato fissato con la spillatrice, con lo scotch e anche con il nastro isolante. Inoltre ho fissato l'intero filtro al telescopio con lenza da pesca, per evitare che qualcuno o qualcosa (tipo vento) lo tolga. Prima dell'osservazione ho svitato e tolto il cercatore del telescopio, ed ho verificato controsole che l'Astrosolar non avesse difetti. Ecco il risulato:


Nonostante tutte le precauzioni devo dire che ero un pò intimorito mentre cercavo di puntare il sole, quand'ecco che all'improvviso compare quella enorme sfera bianca! Che spettacolo emozionante! Si notava una grossa macchia solare al centro e anche tre vicine in basso a destra, poi ad una più attenta analisi c'erano molte piccole macchie che apparivano come puntini neri. Poter guardare in quel modo la nostra stella, cioè un concentrato di luce, fuoco ed energia mi ha dato un'incredibile sensazione di stupore e di potenza.

lunedì 30 aprile 2012

sabato 10 settembre 2011

Che bello! Sono riuscito a finire questo blog, e devo ammettere che è stato un compito gravoso. Però volete mettere avere un vostro proprio sito internet? E poi è servito a dimostrarmi che ancora al computer me la cavo, alla faccia dei nuovi giovinastri! Adesso non mi rimane che postare di quando in quando! Ciaaaaaoooo!

martedì 22 marzo 2011

Benvenuti!

 Ciao a tutti!
In questo post di presentazione voglio dare alcune informazioni generali su di me. Mi chiamo Saverio Falciani e sono nato ad Arezzo nel 1987. Vivo a Foiano della Chiana con i miei genitori ed il mio cane, e sono fidanzato dal 2003 con Adina. Sono studente della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Firenze. Sono tifoso dell' Inter e di Valentino Rossi. Ho molteplici interessi che è troppo lungo elencare e sono di indole curiosa, inoltre mi piace praticare vari sport, seppur con moderazione. Ho il classico "bel caratterino" ed ho una visione realisticamete pessimista della vita, cosa che non mi impedisce di tentare e talvolta essere felice per le cose belle che la stessa ci offre. Il mio desiderio è quello di vivere una vita semplice e tranquilla, con una grande famiglia intorno a me, magari in una bella casa in campagna, ma probabilmente (a parte la famiglia) il futuro sarà del tutto opposto. Chissà, intanto vivo il presente, colgo l'attimo. Poi si vedrà.